Web design

11
Nov
2011

Web design e Gestalt: le regole della percezione

ElefanteQuante zampe ha l’elefante della figura a fianco? Non preoccupatevi, non è importante dare la risposta esatta. È importante invece capire quali processi si sono attivati nel nostro cervello per cercare una soluzione al quesito. Quella  che vi ho proposto è un’illusione ottica, costruita sul principio figura/sfondo della Gestalt.

Che cos’è la Gestalt?

La Gestalt, dal tedesco “forma”, è una teoria che si è sviluppata all’inizio del ventesimo secolo. Essa afferma che la mente umana è orientata a percepire gli elementi semplici come “forma” organizzata, piuttosto che come oggetti distinti. Il campo di applicazione di questa teoria è piuttosto ampio, ma in questo articolo ci interessano le sue implicazioni sul web design. È importante infatti conoscere come la mente umana organizza gli stimoli visivi e quali sono i principi che regolano la nostra percezione.

1. Principio di similitudine

Fiore coopmarta

Gli oggetti simili (per forma colore, dimensione, movimento…) verranno percepiti come un unità. Nell’esempio della figura a fianco, i triangoli disposti a raggiera sono percepiti come un fiore. La similarità è anche un prerequisito per notare la differenza: nella figura sotto, l’omino arancione risalta su quelli grigi.

Omini

2. Principio di continuazione

La continuazione si verifica quando l’occhio si sposta da un oggetto a un altro, seguendo una linea o un elemento grafico. Nella figura sotto, la coccarda blu con le punte guida l’occhio verso il riquadro di testo sottostante, compensando così la preponderanza  del video sulla sinistra.

Coccarda

3. Principio di chiusura

ChiusuraLinee e oggetti vengono percepiti come una figura unica, anche se non sono chiuse. Nella figura a fianco, il celeberrimo marchio del WWF è costituito da elementi che, pur non essendo chiusi, evidenziano chiaramente un panda. La nostra mente tende a integrare le parti mancanti.

4. Principio di prossimità

Puntini

Gli elementi posizionati vicini,  con caratteristiche simili, sono percepiti come un unico elemento. Nella figura a fianco, i pallini allineati sono percepiti come una linea. Un’altra implicazione del principio di prossimità riguarda l’organizzazione dei blocchi di oggetti nelle pagine. Nella figura sotto, si possono distinguere i blocchi formati da oggetti simili, posti gli uni vicino agli altri.

Blocchi

5. Figura e sfondo

Contorno/sfondoDetto anche principio di contrasto: gli oggetti vengono percepiti come contorni in contrasto con uno sfondo. Perciò, in un oggetto come il marchio della figura a fianco si distingue chiaramente il contorno dell’Italia. Questo è uno dei principi che hanno maggiori implicazioni nella progettazione grafica.

6. Principio del “comune destino”

Comune destino

Gli oggetti che tendono verso una direzione sono percepiti come un’entità unica. Nella figura a fianco, i rettangoli allineati verso destra sembrano formare una specie di cerniera.

Va detto che ogni designer applica i principi della Gestalt in maniera inconsapevole e naturale: la tendenza a percepire un oggetto coerente sembra infatti innata e non influenzata da differenze culturali. Di conseguenza, in ogni creazione grafica, anche in una home page, tendiamo a percepire degli oggetti strutturati. Una home page che presenti box, fotografie e blocchi di testo appaiati in maniera casuale e disordinata, non soddisfa il  nostro bisogno di unità e induce una sensazione di fastidio. Come già ricordato in altri post, la prima impressione è determinante non solo per il giudizio che il visitatore darà del sito e del nostro brand, ma anche per la possibilità che prosegua o meno la sua visita.

Ecco il motivo per cui, nella costruzione di un sito, spendo gran parte del tempo nella definizione di una home page convincente, perché è il modo migliore per far scattare nei nostri visitatori l’interruttore dell’attenzione.

Realizzo siti internet per aziende e professionisti: ideazione, progettazione e sviluppo, front end e back end.

Altri post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *